Il mondo sportivo è conosciuto, oltre che per i vantaggi dell’attività sportiva per la salute e il benessere, anche perchè è un mondo molto chiuso e rigido. Sappiamo quanto è difficile per atleti e atlete rivelare alla squadra, agli allenatori e dirigenti, di essere omosessuali o transgender.

E questo nonostante ci siano esempi famosi di sportivi conosciuti a livello internazionale che hanno fatto il loro coming out, senza che questa notizia abbia intaccato la loro fama, l’affetto dei tifosi, la stima delle società sportive e il livello di professionalità.

Anche in contesti così rigidi e omofobi come il mondo dello sport è possibile innescare dei micro-cambiamenti che possano portare valore aggiunto migliorando le performance, clima organizzativo, relazioni tra gli atleti e tra atleti e coach, benessere e qualità del lavoro di squadra. 

Un team privo di conflittualità, garante di una comunicazione rispettosa delle diversità e delle specifiche caratteristiche di ognuno, è garanzia di risultati eccellenti a qualunque livello agonistico.

Crediamo che l’omofobia, l’eterosessismo, il sessismo siano da combattere partendo dai bambini e per questo motivo riteniamo utile dei percorsi di informazione e formazione a partire dalle squadre dei più piccoli.

Valutiamo specifiche richieste di società e federazioni sportive e proponiamo:

  • Familiarizzazione con le tematiche di genere (maschile/femminile)
  • Percorso base su orientamento sessuale e identità di genere
  • Informazione e formazione per atleti/e e loro genitori, allenatori/trici, dirigenti sportivi/e e altre figure di riferimento (es. fisioterapisti/e, medici sportivi, ecc) su omonegatività e omonegatività interiorizzata
  • Seminari su come riconoscere e gestire il bullismo omo-transfobico
Per richiedere informazioni o una proposta ad hoc scrivici inserendo i tuoi dati nel modulo qui a destra. Ti contatteremo prima possibile. Grazie